Epson EcoTank: pro e contro di una stampante a inchiostro ricaricabile

Pubblicato da: Luca M.- il: 25-11-2019 6:37 Aggiornato il: 22-11-2019 11:02

Quando si va alla ricerca di un’alternativa che sia performante e soprattutto economica rispetto alle tradizionali stampanti laser, senza dubbio il pensiero corre alla serie ‘EcoTank’ con cui la Epson ha rivoluzionato le modalità di impiego delle stampanti inkjet.

Questa serie infatti non fa uso delle cartucce di stampo classico, piuttosto ricorre a serbatoi di inchiostro che sono ricaricabili grazie a speciali flaconi. Lo slogan è di sicuro impatto e recita ‘pensi di comprare una laser? Ripensaci’, proprio per suscitare la curiosità e l’attenzione dei professionisti che possono non sapere che esiste una valida alternativa alle stampanti laser con toner Epson, in grado di assicurare non soltanto benefici da un punto di vista economico ma anche ambientale.

Le EcoTank sono infatti stampanti ecologiche, tra le caratteristiche più apprezzate ci sono innanzitutto ridotti costi di gestione oltre a una maggiore autonomia di stampa proprio per la mancanza delle cartucce. I serbatoi ricaricabili, molto capienti, permettono di realizzare anche 11mila pagine – dipende dal modello scelto – senza la preoccupazione di dover sostituire il consumabile. E’ una linea di stampanti ecologiche poiché il consumo energetico è bassissimo e l’impatto ambientale contenuto, visto che i flaconi di inchiostro per ricaricare i serbatoi si potranno smaltire normalmente dopo averli lavati. La possibilità di stampare un così alto numero di pagine, comunque, comporta che i costi dell’acquisto potranno essere ammortizzati solo nel lungo periodo nel caso in cui non si riesca a sostenere un simile ritmo in tempi ridotti (la velocità di stampa può raggiungere anche le venti pagine in un solo minuto). Insomma, il risparmio è più consistente se si stampa molto e spesso.

I consigli per utilizzarle al meglio, nel nome del rispetto ambientale

La raccomandazione è quella di rivolgersi a queste stampanti Epson nel caso si stampi solitamente una gran quantità di pagine, si lavori in un negozio o un esercizio commerciale oppure ancora in un ufficio dove il lavoro di stampa sia ‘il pane’ di ogni giorno e i macchinari restino sempre in funzione (sul sito della casa madre è a disposizione un configuratore per calcolare il risparmio reale con le EcoTank). Un grande merito è poi quello di riuscire a ridurre a zero il tempo di ricambio da dedicare alle cartucce. Interessante di queste stampanti Epson è il fatto di non richiedere tempi di riscaldamento e, specie le monocromatiche, sono perfette per professionisti e aziende di piccole dimensioni che puntano soprattutto su una stampa in bianco e nero.

Diversamente da quanto accade con le stampanti comuni che utilizzano un inchiostro a pigmenti, i modelli che sono provvisti di serbatoi ricaricabili non ricorrono a un inchiostro ‘water resistant’. Il consiglio dunque è quello di fare attenzione a non manipolare la pagina con le dita umide in modo da evitare di danneggiare il lavoro di stampa. C’è infine da sottolineare un servizio sempre più richiesto dal mercato ovvero la possibilità per i modelli EcoTank di connettersi tramite la rete internet a dispositivi elettronici popolari come tablet e smartphone. Questo permetterà di inviare facilmente una stampa direttamente dal telefonino ricorrendo all’utilizzo dell’app iPrint oppure anche via posta elettronica.

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato