Zotac annuncia i PC Windows 10 Stick ZBOX PI220 e PI221

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 16-05-2016 7:31

Zotac annuncia ufficialmente nuovi PC Stick, parliamo dei modelli ZBOX PI220 e ZBOX PI221, computer racchiusi in una pennetta USB e quindi tascabili ma dalle prestazioni non indifferenti.

zotac_zbox_600

Nuovi PC Stick da Zotac

All’interno delle pennette USB troviamo 2GB di RAM, 32GB di memoria interna con supporto eMMC, moduli Wifi 802.11 ac con la possibilità di collegare antenne esterne, supporto per il Bluetooth 4.0 e una porta Ethernet oltre che un lettore per le schede di memoria, l’uscita per le cuffie e il microfono. I due modelli si differenziano tra loro per il sistema di raffreddamento attivo, quindi basato su una ventola per il PI220 e passivo per il PI221.

I PC dispongono ovviamente di un attacco HDMI, per collegarli ad un monitor o TV con sistema operativo Windows 10 HOME a 32 bit. Non ci sono ancora stati comunicati i costi, probabilmente verranno svelati durante il Computex 2016 che si terrà a Tapiei il 31 Maggio 2016.

zotac_600_00

Di seguito vogliamo condividere con voi le specifiche tecniche dei due modelli, confrontandoli tra loro, anche se come prestazioni sono identici, l’unica differenza come vi abbiamo detto risiede nel raffreddamento interno e quindi nel sistema di dissipazione:

Modello ZOTAC ZBOX PI220 ZOTAC ZBOX PI221
Memoria 2GB DDR3L-RS1600 2GB DDR3L-RS1600
Storage 32GB eMMC  32GB eMMC
CPU Intel Cherry Trail Atom x5-Z8300 (quad-core 1,44 GHz, sino a 1,84GHz) Intel Cherry Trail Atom x5-Z8300 (quad-core 1,44 GHz, sino a 1,84GHz)
GPU Intel HD Graphics Intel HD Graphics
Display 1 uscita HDMI 1 uscita HDMI
Lettore di schede 3-in-1 (SD/SDHC/SDXC) 3-in-1 (SD/SDHC/SDXC)
Ethernet 10/100 Mbps 10/100 Mbps
WiFi 802.11ac + Bluetooth 4.0 802.11ac + Bluetooth 4.0
USB USB 3.0 USB 3.0
Audio Uscita cuffie, microfono Uscita cuffie, microfono
Supporto DirectX 12 12
HDCP Si Si
Sistema operativo Windows 10 Home 32-bit preinstallato Windows 10 Home 32-bit preinstallato
Dissipiazione Micro ventola attiva raffreddamento passivo

Lascia un commento