Il Note 7 precipita e l’iPhone 7 decolla: Le azioni di Apple salgono in borsa

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 13-10-2016 10:38

Samsung è riuscita ad ottenere l’effetto contrario a quello desiderato. Dopo aver immesso rapidamente sul mercato il Note 7 per anticipare la commercializzazione dell’iPhone 7 di Apple, si è ritrovata una mina vagante nel vero senso della parola, costretta non solo a cessare la produzione del phablet ma anche a iniziare un lungo processo di smaltimento.

samsung-vs-apple

Apple decolla in borsa, Samsung precipita nell’oblio

I recenti avvenimenti che hanno visto il Note 7 esplodere come un C4, hanno provocato delle serie ripercussioni in casa Samsung, dalle numerose prese in giro trapelate sulla rete a dei drastici cali in borsa. E mentre Samsung si ritrova a dover fronteggiare cause legali, rimborsi e quanto altro ancora, Apple coglie l’attimo fuggente per vendere il maggior numero di iPhone 7 della serie oltre il danno la beffa.

In solo 2 giorni le azioni di Cupertino sono impennate del 2.3% arrivando ad un valore di 116,72 dollari e secondo gli analisti di mercato il merito è attribuile proprio a Samsung. Le azioni di Apple non raggiungevano tali valori dallo scorso dicembre, grazie o a causa della crisi che Samsung sta attraversando con i suoi Note 7 dalla batteria esplosiva, i consumatori hanno deciso di puntare sul nuovo gioiello di Apple.

Gli investitori affermano che i recenti avvenimenti sono una netta conseguenza dell’incremento delle vendite degli iPhone. Secondo gli ultimi dati raccolti il 27% degli utenti Note 7 ha deciso di abbandonare Samsung e di acquistare un iPhone mentre i restanti si sono limitati a restituirlo avendo il rimborso e puntando su un altro dispositivo Android. Samsung si è scusata per l’accaduto ed ha affermato di essere pronta a ritirare i Note 7 e rimborsare i consumatori.

I Note 7 a partire da oggi sono ufficialmente entrati nella lunga fase di smantellimento e ciò potrebbe segnare la fine di un brand che ha accompagnato i consumatori e utenti Android per diversi anni.

Lascia un commento