Microsoft annuncia la fine del supporto per Windows 10 Build 1507

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 15-04-2017 12:39

Sembra stano ma è cosi. Microsoft in queste ultime ore ha ufficialmente annunciato la fine del supporto per la build 1507 di Windows 10, la quale cesserà di ricevere aggiornamenti a partire dal 9 Maggio. 

Windows 10 Build 1507 va in pensione

La fine del supporto inizialmente era prevista per il 26 Marzo ma Microsoft decise di prorogarla di un mese. A partire da oggi dunque Windows 10 Build 1507 non riceverà più aggiornamenti di sicurezza, per tanto gli utenti saranno costretti ad aggiornare al corposo Creators Update.

Di seguito le parole della compagnia:

Dal rilascio iniziale di Windows 10 nel luglio del 2015 Microsoft ha rilasciato due feature update aggiuntivi che si fondano l’uno sopra l’altro, consegnando le feature più recenti e una maggiore sicurezza. Windows 10 è stato progettato come un servizio, e questi feature update sono richiesti alcune volte l’anno. Per molti clienti, sia i quality che i feature update sono consegnati automaticamente in base alle impostazioni scelte su Windows Update.

Secondo le nostre regole i dispositivi devono installare l’ultimo feature update all’interno di un periodo di grazia di 60 giorni dalla fine del supporto per poter ricevere gli update mensili con i pacchetti di sicurezza e altri update di qualità. Stiamo estendendo questo periodo di grazia per la versione 1507 oltre il periodo dei 60 giorni, che comunque sta per esaurirsi

Il discorso è dunque valido per le versioni Home, Pro, Education ed Enteprise di Windows 10. 

“Se continui ad utilizzare Windows 10 v. 1507 il tuo computer continuerà a funzionare, ma siccome non continuerai a ricevere alcun aggiornamento di sicurezza o altri aggiornamenti di qualità, potrebbe diventare vulnerabile a rischi di sicurezza e virus. Microsoft offre supporto complementare per assicurare che il tuo dispositivo abbia gli ultimi aggiornamenti e richiede che il tuo dispositivo sia aggiornato prima di assisterti con altri problemi di supporto tecnico”.

Lascia un commento