Arriva una nuova piattaforma per il Gaming Desktop da Facebook e Unity

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 19-08-2016 9:35

Facebook e Unity annunciano una nuova partnership per lo sviluppo di una piattaforma di gioco Desktop simile a STEAM ma che conterà al suo interno giochi sviluppati con l’engine Unity, presenti già da tempo sul social network. A partire dalla fine del mese un numero ristretto di sviluppatori interessati potranno mettere le mani in anteprima sulla piattaforma e provarne una versione alpha oltre a poter disporre di un tool che consentirà loro di esportare il gioco tramite lo stesso Unity.

unity-facebook1

Una nuova piattaforma di gioco da Facebook e Unity

La nuova piattaforma è rivolta all’ambiente Desktop, si tratta in realtà dell’evoluzione dell’app Facebook Games Arcade rilasciata diversi mesi fa in fase BETA. Secondo quanto riportato da TechCrunch, la suddetta piattaforma potrebbe divenire un’app Windows denominata come la beta di Maggio, sarà disponibile per sistemi operativi differenti e supporterà sia i giochi tradizionali presenti sul social network che porting di giochi Android, iOS e titoli complessi, diventando quindi un potenziale concorrente di Steam ed altre ancora.

Attualmente sono oltre 650 milioni i giocatori che usano Facebook per giocare e i tanti inviti che gli utenti ricevono ogni giorno ne sono la prova lampante.Elliot Solomon, Vice Presidente Business Development di Unity Technologies afferma:

Stiamo lavorando per aiutare gli sviluppatori ad avere il successo che meritano tramite l’integrazione di strumenti che forniscono un facile accesso alla rete di Facebook. Attualmente Unity è utilizzato dalla maggior parte degli sviluppatori sia per produrre esperienze di gioco virtuali tramite il supporto Oculus Rift che videogiochi destinati sia al mercato PC che console.

Anni addietro Facebook ha acquistato Oculus ma fino ad oggi non ha mai sfruttato la cosa. Che sia giunto il momento per iniziare a produrre esperienze di gioco mirate tramite la suddetta piattaforma? Non ci resta che attendere per scoprirlo.

Lascia un commento